Rosarno: una rassegna stampa

9 01 2010

Purtroppo, nell’Italia di oggi, fa notizia l’episodio di cronaca degli scontri in strada piuttosto che il pluriennale sfruttamento e riduzione in schiavitù di migliaia di esseri umani da parte della ‘ndrangheta e degli imprenditori locali tra l’indifferenza della gente e delle Istituzioni.

Oggi Maroni straparla e vuole meno tolleranza nei confronti degli immigrati. Bravo, e intanto esistono nel nostro Paese dei territori nei quali i diritti più elementari non vengono applicati. E tutto ciò avviene anche grazie alla cecità di una legge, la Bossi – Fini, che impedisce agli immigrati di regolarizzarsi e di entrare nella legalità.

Ma la parte sana della nostra società sapeva e denunciava da tempo.

Gli Africani salveranno Rosarno

audio dell’incontro

Rosarno, una giornata particolare

Io schiavo in Puglia
REPORTAGE 2006 – L’Espresso

Migranti: le arance amare degli immigrati di Rosarno
http://www.liberainformazione.org

Maroni, basta con le menzogne. Questo caos lo hai creato tu
http://www.terrelibere.org

Le diecimila braccia tese degli «schiavi» stagionali
REPORTAGE – L’Avvenire

Rosarno… e la mafia ringrazia
http://www.libera.it

Un’altra storia è possibile. A Nord come a Sud
L’Avvenire





Contro la barbarie del “pacchetto sicurezza”

8 02 2009

immagine-2ll DDL 733, meglio noto come “Pacchetto sicurezza”, è stato approvato dal Senato. Esso contiene norme che, se confermate alla Camera, introdurranno nel nostro ordinamento giuridico gravi lesioni ai più elementari diritti costituzionali, andranno a rendere ancora più difficile la condizione dei migranti (tasse altissime per le regolarizzazioni) e, con il riconoscimento delle ronde, incentiveranno pratiche di “autogiustizia” o di delazione. Accanto a tali pericolose disposizioni ve ne sono altre (come il registro nazionale dei senza fissa dimora o il controllo dei Comuni sulle condizioni degli alloggi prima dell’iscrizione anagrafica per tutte le persone) che faranno “scoppiare” gli uffici degli Enti Locali e renderanno oppressiva la pubblica amministrazione verso i cittadini.

Uno degli articoli più discussi riguarda la possibilità, per gli operatori sanitari, di denunciare il clandestino che vada a farsi visitare in una struttura medica. Togliere il divieto espresso di non segnalazione equivale ad esercitare una pressione sul personale medico e sanitario affinché vengano denunciati gli irregolari che si recano nelle strutture sanitarie. L’attuale divieto di segnalazione risponde a principi deontologici della professione sanitaria e ha l’obiettivo di evitare che, per paura, migranti irregolari non si rechino nelle strutture ospedaliere, tutelandone il diritto alla salute. Se il disegno di legge passerà alla camera, la nuova normativa genererà un grave rischio per la salute di tutte e tutti: le malattie infettive non conoscono barriere amministrative. Questa norma sconcerta prima di tutto gli operatori sanitari (anche in questa Regione si moltiplicano appelli di singoli e ordini professionali per respingere questa disposizione) e richiede la mobilitazione di tutta la società civile per impedirne l’approvazione definitiva, rischiando di far fare all’Italia un salto indietro e di cancellare un principio di civiltà da tutti riconosciuto.

Si tratta, di fatto, di norme contrarie ai più elementari principi umanitari, alle regole della convivenza civile, che vorrebbero porre un freno all’immigrazione ma che sono inefficaci in tal senso e creeranno paura, discriminazione e tensione, rendendo tutte e tutti noi più insicuri. In questo Paese ci si continua a preoccupare di accanirsi sui più deboli, privandoli via via di ogni diritto elementare, senza mai proporre un’alternativa, un piano o qualsiasi iniziativa che possa contribuire a risolvere i problemi sociali.

Come associazioni sociali e culturali operanti nella realtà cervignanese, esprimiamo il nostro disappunto per questa iniziativa del Governo che, se approvata, dimostrerebbe una totale mancanza di rispetto per la vita umana e per i diritti fondamentali di ogni persona e che, nel tentativo di colpire un presunto nemico, andrebbe a ledere anche gli interessi dei cittadini che si vanta di rappresentare. Invitiamo tutti i cittadini a manifestare la propria contrarietà a questa norma stupida, cieca e discriminatoria.

Per sottoscrivere questo appello vi invitiamo a lasciare un commento.





Come un uomo sulla terra

2 12 2008

Andrea Segre, già regista de “La Mal’erba” ed “A sud di Lampedusa”, è stato ospite, a Monfalcone, di Sguardo Meticcio, la rassegna Monfalconese sulla letteratura migrante.
Ha presentato il suo ultimo lavoro: “Come un uomo sulla terra”. E abbiamo scoperto di essere corresponsabili di una tragedia umana con ben pochi precedenti.

immagine-1

Stupro, tratta di esseri umani, sequestro di persona. Per questi reati andrebbe inquisito il governo libico del dittatore Muammar Gheddafi. Un Paese, la Libia, che agli inizi degli anni ‘90 aveva aperto le proprie frontiere interne a tutti gli africani, per apparire come potenza regionale ed “ideologica”. Poi arriva la richiesta di Silvio Berlusconi (ma non recusata da Prodi) di impedire agli immigrati africani di raggiungere il territorio italiano. In un accordo bilaterale, quindi, il nostro Governo richiede ad una dittatura di arrestare l’immigrazione attraverso il Mediterraneo. Per permettere ai Libici di attendere agli impegni presi, il Governo italiano regala alcuni furgoni, pick-up e molti soldi. La Libia smaltirà, per conto nostro, gli immigrati.
“Proiettando il documentario “A sud di Lampedusa” ho incontrato delle persone con molte esperienze da raccontare”, spiega Segre, “e così è iniziato il percorso che mi ha portato a questo nuovo lavoro”.
Il film raccoglie le testimonianze di molti immigrati, oggi in Italia, che dall’Africa subsahariana, attraverso il Sudan, arrivarono in Libia per raggiungere l’Europa. Ed in Libia, per loro, è iniziato l’inferno.
Sentir parlare di stupri in terza persona è una cosa, ascoltaredue ragazze di ventitre e ventiquattro raccontare la propria esperienza è tutt’altro. Pestaggi, torture, lunghe detenzioni e lavori forzati. L’accusa? Aver scelto, ad un certo momento della loro vita, di emigrare dalle loro terre d’origine. Caricati in containers che ricordano i carri bestiame in cui venivano rinchiusi coloro che venivano trasportati nei campi di concentramento nazisti. Con la differenza che, questa volta, l’assegno lo stacca il Governo italiano. Mentre noi cittadini giriamo la testa dall’atra parte, facendo finta di non vedere.

info: http://comeunuomosullaterra.blogspot.com





“Famiglia cristiana” sul pacchetto sicurezza:Atto indegno di uno stato di diritt

20 11 2008

immagine-13

Il settimanale cattolico leva ancora la sua voce contro le misure anti-immigrati e quelle anti-clochard.

Tocca di nuovo a Famiglia cristiana reagire con sdegno alle misure anti immigrati che «potrebbero uscire questa settimana dal Senato». Il settimanale cattolico dei religiosi paolini ha preso di petto la questione ormai da tempo, senza mezzi termini. Ha giudicato razzista l’ordine di prendere le impronte digitali ai bimbi rom e una misura da “apartheid” l’idea di isolare in classi ghetto gli scolari d’origine straniera. Sul prossimo numero un editoriale firmato da Beppe Del Colle denuncia la gravità dell’intero “pacchetto sicurezza”. E’«indegno di uno stato di diritto»,osserva il settimanale fin dal titolo,aggiungendo: «Così si rende più difficile la vita di chi è in difficoltà».Inclusa una categoria di italiani«diversi», i senza fissa dimora che ora dovrebbero venire tutti schedati. Gli immigrati colpiti dai provvedimenti in approvazione sono invece circa quattro milioni tra “regolari” e “irregolari”. Famiglia cristiana contesta il permesso di soggiorno a punti, l’istituzione ufficiale delle ronde urbane, il mantenimento del reato di immigrazione clandestina pur declassato ad una pena pecuniaria,le «maggiori difficoltà» che immigranti incontreranno per l’assistenza sanitaria e per i ricongiungimenti familiari. Infine,l’ultima stoccata della Lega e del ministro dell’Interno che vogliono congelare per due anni i flussi immigratori. Una linea di condotta- notiamo per parte nostra – che va in direzione esattamente opposta a quella auspicata dalla Caritas e dalla Fondazione Migrante, le due strutture della Chiesa cattolica che si occupano di immigrati. Oltre che ingiuste, osserva il settimanale, queste misure sono anche inutili. Se ne è già fatta esperienza nel caso della schedatura dei rom. Ma siccome il governo insiste, Famiglia cristiana non manca di sottolineare che il prefetto di Roma Carlo Mosca è stato«destituito» per il solo fatto di aver attuato quel provvedimento almeno in modo «più umano e civile».Indignato anche il commento al nuovo “censimento” dei clochard. L’editoriale ricorda che su una panchina di Rimini, scelta a sua dimora, recentemente un uomo è stato bruciato vivo «dai soliti ignoti» e che quasi trent’anni fa a Torino Lia Varesio promosse un censimento dei barboni con ben’altra finalità che toglierli dalla visuale pubblica perbenista: i volontari della “Bartolomeo & C”uscivano ogni notte per offrire un rifugio più sicuro ai clochard che pativano il freddo.





Carico sospeso e Sguardo meticcio

10 11 2008

Due interessanti iniziative si svolgeranno nei prossimi giorni nella nostra zona: Carico sospeso e Sguardo meticcio.

Carico sospeso è un progetto che unisce moltissime associazioni del monfalconese attorno al tema degli infortuni sul lavoro. L’edizione 2008 vedrà realizzare al Teatro di Monfalcone lo spettacolo “Il pane loro” a cura del Teatro Civile sugli incidenti del lavoro. L’appuntamento è per giovedì 20 novembre 2008 alle ore 20:30.

Sguardo meticcio è invece un percorso volto a portare in piazza, per strada o in luoghi “di passaggio” la letteratura ed il cinema sulle migrazioni e, più in generale, sull’altro.

Il programma

immagine-12

caricosospeso_vol





Cervignano in piazza | per il diritto allo studio

9 11 2008

immagine-11
immagine-2

Sabato 8 novembre. Cervignano del Friuli. Una splendida giornata di cultura ed impegno, contro i tagli del Governo a Scuola ed Università. Grande partecipazione di pubblico alle lezioni pomeridiane, che hanno fatto registrare al Centro Civico il tutto esaurito. La mattinata si è svolta in un clima interessato e tranqullo. Al dibattito hanno partecipato:

Nadia Mazzer, Flc Cgil;
Federico Angelo Perone, Università di Udine;
Luca Tornatore, Ricercatore in Astrofisica nell’Università di Trieste.

Il pomeriggio ha visto svolgersi lezioni di Storia Contemporanea (in cattedra, Gabriele Donato), Fisica (Cecilia Blasetti) ed infine Filosofia (Raoul Kirkmayr).

Video

Fotografie





Le riforme di scuola ed università

28 10 2008

I Governi Berlusconi che si sono succeduti nel corso degli ultimi anni in Italia hanno sempre avuto la tentazione di privatizzare il sistema scolastico nazionale. Lamentando un’egemonia culturale comunista nelle scuole e l’impossibilità di garantire un’istruzione plurale alle famiglie, i vari Ministeri avviarono negli anni delle misure o avanzarono delle proposte stravaganti laddove non contraddittorie: vi fu da una parte la richiesta di finanziamento delle scuole private e, dall’altra, quella di sottoporre a censura i testi scolastici. Come al solito, quando il nostro Presidente del Consiglio parla, pochi lo prendono sul serio. Tanto, si sa, porta a termine una cosa ogni ventimila. Ma anche una ogni ventimila può fare danni enormi.

Al Dl 137/2008 “Disposizioni urgenti in materia di istruzione e università” si aggiunge il documento di programmazione economica 133/2008, che inserisce, quasi si trattasse di uno spostamento di 1000 euro da un capitolo di bilancio ad un altro, la trasformazione delle Università in fondazioni, introducendo un meccanismo di privatizzazione che potrebbe avere delle conseguenze enormi nei prossimi anni.

Leggi il seguito di questo post »